Franciscus Jorge Mario Bergoglio                             

Funzioni in Streaming dal Vaticano

ctv.png

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire

Contatti della Parrocchia

LA SEQUELA DEL SIGNORE - V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (C)

Nel vangelo di oggi, San Luca ci ricorda il discepolato di Gesù. Come abbiamo visto nelle ultime due domeniche, Gesù ha iniziato la sua missione dalla sua città natale, Nazareth, dove è stato respinto. Gesù che ritorna a Cafarnao sceglie i suoi primi apostoli.

L'evangelista Marco, parlando della chiamata dei primi apostoli, non menziona del miracolo di pesci. Passando lungo il mare della Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito, lasciate le reti, lo seguirono” Marco 1:16-18.

 Luca, che probabilmente era un collaboratore di Pietro e Paolo nella Prima Chiesa, aveva una stima speciale per Pietro. Voleva presentare che Pietro era una persona molto cambiata dopo la risurrezione di Cristo. Dovremmo ricordare che fu San Luca a scrivere anche gli Atti degli Apostoli. San Giovanni nel suo vangelo parla di una pesca miracolosa di Pietro e dei suoi compagni dopo la risurrezione di Cristo.  “Quando già era l'alba Gesù si presentò sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non potevano più tirarla su per la gran quantità di pesci. (Gv21:4-6)

Luca anticipò questa esperienza post-resurrezione di Pietro alla sua chiamata originale per diventare suo discepolo. Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano...Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontanati da me, perché sono un peccatore» (Luca 5:5-5,8).

Durante la vita terrena di Gesù, chiese ai suoi apostoli che cosa pensassero di lui, ed era Pietro che dichiarò che era Cristo, il Messia e Gesù lo ha complimentato per questo. Ma, la fede di Pietro non era forte. Non riusciva a capire il mistero dietro il Messia sofferente. Durante la passione, aveva rinnegato Gesù tre volte e l'aveva abbandonato. Però, dopo la risurrezione di Gesù, era diventato completamente un uomo nuovo. Possiamo ricordare precisamente a Pietro che Gesù ha dato l'autorità di pascolare il suo gregge.

Il secondo punto nel vangelo di oggi è che seguire Gesù è di essere pronti a rinunciare a qualsiasi cosa. Possiamo pensare al giovane che voleva conoscere la via per la salvezza. Quando disse che era un rigoroso seguace di tutti i comandamenti, Gesù gli disse che c'era ancora una cosa che mancava. Gesù gli ha chiesto di andare a vendere tutte le sue proprietà ai poveri e seguirlo. Andò via triste perché era un uomo ricco e non era pronto a rinunciare a loro. Con quell'esempio, Luca voleva specificare che la sequela di Gesù è qualcosa di radicale e dovremmo essere pronti per qualsiasi tipo di sacrificio.

THE CALL TO FOLLOW JESUS –V SUNDAY OF THE ORDINARY TIME (C)

In today’s gospel, St. Luke reminds us of the discipleship of Jesus. As we have seen in the last two Sundays, Jesus began his mission from his home town Nazareth where he was rejected. Jesus returning to Capernaum chose his first apostles.

The evangelist Mark while speaking of the call of the first apostles does not mention of the miraculous fish. As Jesus walked beside the Sea of Galilee, he saw Simon and his brother Andrew casting a net into the lake, for they were fishermen. “Come, follow me,” Jesus said, “and I will send you out to fish for people. At once they left their nets and followed him” (Mark 1:16-18).

           Luke who was probably a collaborator of both Peter and Paul in the early Church, had a special esteem for Peter. He wanted to present that Peter was a very much changed person after the resurrection of Christ. We should remember that it was St. Luke who also wrote the Acts of Apostles. St. John in his gospel speaks of a miraculous catch of fish by Peter and his companions after the resurrection of Christ. Early in the morning, Jesus stood on the shore, but the disciples did not realize that it was Jesus. He called out to them, “Friends, haven’t you any fish?”“No,” they answered. He said, “Throw your net on the right side of the boat and you will find some.” When they did, they were unable to haul the net in because of the large number of fish (Jn.21:4-6). Luke anticipated this post-resurrection experience of Peter to his original call to become his disciple. Simon answered, “Master, we’ve worked hard all night and haven’t caught anything. But because you say so, I will let down the nets. When they had done so, they caught such a large number of fish that their nets began to break….When Simon Peter saw this, he fell at Jesus’ knees and said, “Go away from me, Lord; I am a sinful man!” (Luke 5:5-6,8).

During the earthly life of Jesus, he asked his apostles of what they thought of him, and it was Peter who declared that he was Christ, the Messiah and Jesus complimented him for that. However, Peter’s faith was not strong. He could not understand the mystery behind the suffering Messiah. During the passion, he had denied Jesus three times and had deserted him. However, after the resurrection of Jesus, he had become completely a new man. We can recall precisely to Peter that Jesus to give the authority to pastor the sheep.

The second point in today’s gospel is that following of Jesus is to be ready to renounce anything. We can think of the young man who wanted to know the way for salvation. When he said that he was a strict follower of all the commandments, Jesus told him that there was one thing still missing. Jesus asked him to go and sell all his property to the poor and follow him. He went away sad because he was a rich man and was not ready to renounce them. By that example, Luke wanted to specify that the following of Jesus is something radical and we should be ready for any type of sacrifice.

don james clarence